Area Culturale

Empatia e simpatia: 4 differenze principali

Parlare di simpatia ed empatia è parlare di relazioni interpersonali. Comprendere le loro differenze è la chiave per sapere come identificare come ci comportiamo nei confronti degli altri. Successivamente, esploreremo le distinzioni fondamentali tra i due termini.

Empatia e simpatia sono due termini spesso usati in modo intercambiabile; ma in realtà sono concetti diversi. Entrambi si riferiscono alla capacità di comprendere e sentire le emozioni degli altri, anche se il modo in cui vengono vissute ed espresse non è lo stesso.

In questo articolo esploreremo le differenze tra l’essere empatici e simpatici, nonché il modo in cui queste capacità influenzano le nostre relazioni e lo sviluppo personale.

Cos’è la simpatia?

La simpatia è quel sentimento che permette di comprendere un certo stato emotivo nelle altre persone. Secondo un articolo pubblicato da Emotion Reviewprovando simpatia per qualcuno, è possibile preoccuparsi dei suoi problemi, capire la situazione che sta attraversando, ma non lasciarsi coinvolgere emotivamente.

Forse la simpatia aiuterà a dare consigli utili o dispiacersi per la spiacevole situazione che sta attraversando l’altro. Tuttavia, l’altro potrebbe non sentirsi ascoltato o davvero contento quando ci comportiamo in modo gentile.

Ciò non significa che la simpatia sia spesso una risposta appropriata. Se qualcuno con cui non abbiamo un rapporto stretto perde una persona cara, inviamo un messaggio di cordoglio. Tuttavia, quando il rapporto è intimo e profondo con questa persona, la simpatia è insufficiente e viene vista addirittura come freddezza.

Cos’è l’empatia?

Con l’empatia identifichiamo anche gli stati emotivi degli altri, solo che, in più, li condividiamo. Essere empatici è avere la capacità di sentire in prima persona ciò che sperimentano gli altri; è “mettersi nei loro panni”, comprendere e partecipare alle loro emozioni.

Secondo studi di neuroscienze cognitive e comportamentali, come quello pubblicato su Mind & Society, l’empatia è correlata a complessi meccanismi mentali ed emotivi, inclusi i neuroni specchio. Questi ultimi si attivano compiendo un’azione specifica e osservando gli altri compiere la stessa.

L’empatia è un’abilità importante nelle relazioni interpersonali, poiché ci consente di connetterci con gli altri a un livello più profondo. Dalla dimensione empatica comprendiamo meglio i bisogni e i desideri di qualcuno, il che si traduce in una risposta più efficace ai suoi bisogni.

Spesso proviamo maggiore empatia per coloro con cui ci identifichiamo, anche se le differenze sono minime. Ad esempio, uno studio riportato nel Journal of Experimental Child Psychology ha rilevato che i bambini assegnati in modo casuale ai gruppi rosso e blu tendevano a provare più empatia nei confronti della propria squadra.

Differenze tra empatia e simpatia

L’empatia è la capacità di mettersi nei panni di un altro e sentire ciò che sente. La simpatia, d’altra parte, è l’inclinazione all’affetto o all’affinità per qualcuno. Entrambi gli atteggiamenti sono importanti per stabilire relazioni umane positive, ma non sono la stessa cosa. Successivamente, vedremo quattro differenze tra di loro.

1. Il tipo di ascolto

Quando ascoltiamo l’altro con simpatia, è probabile che proviamo a dare consigli su cosa fare per migliorare la sua situazione. Invece, ascoltare l’altro senza giudicare è una caratteristica essenziale dell’empatia. Sebbene la consulenza possa essere di grande aiuto, se agiamo con empatia, forse sarà sufficiente solo dire all’altro di contare su di noi per tutto ciò di cui ha bisogno.

2. Empatia e simpatia: il livello di profondità

La simpatia ci aiuta a distinguere l’emozione che vive l’altro; allora è possibile sentirsi dispiaciuti o preoccupati per la propria situazione. Tuttavia, l’empatia ci lega in modo più profondo, attraverso le emozioni. Se l’altro è in angoscia, sentiamo quell’angoscia come se fosse nostra.

3. Il punto di vista

Attraverso la simpatia osserviamo gli altri dal nostro punto di vista. È facile dire a qualcuno cosa fare quando non siamo emotivamente coinvolti. Tuttavia, l’empatia ci porta a comprendere i sentimenti dell’altro dal punto di vista dell’altro. Non basta pensare a cosa farei io in una situazione del genere, ma piuttosto cosa può fare questa persona dal suo posto.

4. Il grado di apertura

Per essere simpatici non abbiamo bisogno di stabilire legami profondi. Che si tratti di un conoscente o di un collega, i gesti di simpatia aiutano a mantenere un trattamento cordiale. Per essere empatici è necessario aprirsi a sentire il dolore dell’altro, senza giudicarlo o minimizzarlo.

Questa apertura tende a giovare alla persona, poiché si sentirà accompagnata e convalidata nelle sue emozioni. Tuttavia, implica anche un rischio per noi, poiché possiamo sentirci vulnerabili quando condividiamo la sofferenza degli altri. Pertanto, è importante prendersi cura del nostro equilibrio emotivo e stabilire limiti salutari quando si pratica l’empatia.

Perché è necessario conoscere le differenze tra empatia e simpatia?

L’empatia e la simpatia si distinguono in base a come ci relazioniamo con gli altri. Il primo implica una profonda comprensione; il secondo si concentra sulla preoccupazione e sul sostegno senza la necessità di coinvolgere i sentimenti. Coltivando l’empatia, diamo anche a noi stessi l’opportunità di crescere come individui e migliorare il nostro sviluppo personale.

Inoltre, essere consapevoli delle differenze tra empatia e simpatia ci consente di essere ponderati nelle interazioni, il che è fondamentale per prendere decisioni su come vogliamo relazionarci e contribuire al benessere di un altro.

 

Articolo tratto dal sito https://lamenteemeravigliosa.it/differenze-tra-empatia-e-simpatia/

Scritto da Matias Rizzuto

CONDIVIDI SU
ARTICOLI CORRELATI
Il potere della lettura
I benefici della lettura
Toponomastica – III municipio – Dov’è STO