Area Psico-Sociale

ANSIA NEGLI ADOLESCENTI: PERCHE’ E’ AUMENTATA?

Gli adolescenti stanno vivendo un periodo strano, pieno di ansia, sentimenti di solitudine, insicurezza e rifiuto. Esistono migliaia di piattaforme per la connessione sociale, ma è quando ci sono più problemi a relazionarsi con gli altri.

La pandemia è stata il catalizzatore dei problemi di salute mentale e di ansia negli adolescenti e nei bambini. L’isolamento ha messo in luce la vulnerabilità mentale delle generazioni più giovani. I disturbi d’ansia sono saliti alle stelle in questa e in altre fasce di popolazione.

I dati sulla psicopatologia nella popolazione adolescenziale sono devastanti. Ai cambiamenti ormonali e alle sfide che il passaggio stesso all’età adulta comporta, si sono aggiunti una serie di fattori che hanno portato alle peggiori conseguenze immaginate, come l’aumento dell’autolesionismo e dei suicidi.

 

Se oggi dovessimo chiedere a un adolescente cosa caratterizza questo momento della sua vita, c’è un’altissima probabilità che ci direbbe che è la totale assenza di significato. In altri tempi erano problemi più concreti, mentre ora c’è un grande disorientamento su come ci si sente e su cosa significa avere un obiettivo.

Senza rapporti quotidiani con gli amici, sovraccarichi di attività extrascolastiche, non hanno avuto tempo per maturare questo senso della vita che si genera in situazioni spontanee e non troppo premeditate, a contatto con la natura e nell’ozio, senza sensi di colpa. L’unico strumento che abbiamo lasciato loro per “intrattenersi” è un tablet, mentre allo stesso tempo il nostro dito accusatore è puntato contro di loro.

Le ragioni principali dell’aumento dell’ansia negli adolescenti

Questo studio sulla maggiore incidenza dei problemi di salute mentale durante la pandemia ha lasciato pochi dubbi sulla sofferenza psicologica dei giovani. I bambini e gli adolescenti compaiono in cima alla lista delle vittime della loro salute mentale a causa della reclusione.

 

Pertanto, per valutare le possibili cause dell’aumento dell’ansia negli adolescenti, esamineremo i cambiamenti avvenuti nel nostro ambiente, quelli che hanno reso tutti noi, e anche loro, più vulnerabili.

  1. Il senso della vita è andato perduto

La prima cosa che attira l’attenzione in uno studio condotto con gli adolescenti, in merito al senso della vita è la sensazione di vuoto che li accompagna, e che, spesso, addirittura li travolge . Prima, gli adolescenti si preoccupavano di adattarsi, oggi sono molto scettici sul reale valore che questo obiettivo può avere.

 

Nello studio, i giovani considerano la famiglia e gli amici la loro principale fonte di significato, a distanza da altri aspetti della loro vita. Questo è essenziale quando si tratta di capire perché l’ansia è in aumento negli adolescenti.

Se ritenete che la vostra famiglia e i vostri amici diano senso alla vostra vita, perché gli spazi e il tempo per stare con loro sono sempre più ridotti?

 

  1. Senza esperienze dirette, gli adolescenti hanno persino paura di rispondere al telefono

Quando non ci sono esperienze quotidiane con amici e familiari, c’è troppo tempo per rimuginare sul passato. Non c’è distrazione, il corpo non si stanca, non c’è un’esperienza quotidiana genuina e autentica del contatto con gli altri, che è ciò che forma una persona.

Solo 15 anni fa, le esperienze degli adolescenti consistevano nel parlare per molte ore su rete fissa, oltre che uscire per strada, fare amicizia e incontrare persone di altri quartieri. Si incontravano per vedere un film al cinema, che è diventata un’esperienza condivisa unica.

 

Ora i bambini sono molto occupati, o almeno questa è la sensazione, perché fanno o guardano sempre qualcosa. Tuttavia, la realtà è che quando si tratta di esplorare oltre gli schermi e scoprire qualcosa di nuovo, molti si sentono assolutamente persi.

  1. Sentono di non avere gli stessi valori generazionali

Un altro grosso problema è il divario generazionale che esiste oggi tra genitori e figli. Dicono che se c’è amore e comprensione, la famiglia esce sempre avanti, ma che l’amore e la comprensione si basano anche sulla condivisione di valori non diametralmente opposti.

 

Attualmente, vediamo adolescenti totalmente disconnessi dai gusti e dalle preferenze dei loro genitori. Si sentono sempre più distanti dai loro valori e atteggiamenti.

Prima, quel membro della famiglia veniva chiamato “la pecora nera”. Al momento, quelle “pecore nere” sembrano essere i membri di un’intera generazione. Molte delle persone che entrano nel mondo degli adulti lo fanno con la sensazione che le altre generazioni non si siano prese troppa cura del pianeta o non abbiano combattuto abbastanza duramente per porre fine alle disuguaglianze. Ritengono che l’eredità ricevuta comprometta notevolmente il loro futuro.

 

  1. Il potere dei social network

Per quanto riguarda i sintomi di ansia e depressione, ci sono sempre più studi che collegano il tempo trascorso al computer con sintomi depressivi e ansiosi. In uno studio pubblicato su The Canadian Journal of Psychiatry, è evidente che il consumo eccessivo dei social network, del computer e, in generale, della visualizzazione di contenuti audiovisivi è un fattore che intensifica/riproduce i sintomi dell’ansia durante questo periodo.

Quando gli adolescenti riducono il loro uso dei social network e degli schermi dei computer, così come il tempo che passano davanti alla televisione, i loro sintomi di ansia migliorano.

 

Man mano che le generazioni Y e Z entrano nel mondo del lavoro o dell’istruzione superiore, le differenze tra chi è cresciuto con Internet e chi non è diventato più chiaro. Internet è una fonte inesauribile di informazioni, in cui verità e qualità si confondono con bugie e spazzatura.

 

I disturbi d’ansia e depressione di questi giovani sembrano essere dovuti, almeno in parte, alla loro accresciuta consapevolezza del mondo che li circonda. “Annoiato” di fronte al mondo o “disgustato” da ciò che accade in un’altra parte del pianeta. Tante informazioni tolgono energia per affrontare la propria giornata.

Anche vedere le immagini ogni giorno di persone che sembrano vivere una vita che sognano è un fattore di ansia. Che sia sui social, al lavoro o negli studi, è soprattutto la sensazione di frustrazione nel confrontarsi a generare ansia e depressione.

 

Prima ti confrontavi con il tuo ambiente più vicino, ma interagendo con esso. Tuttavia, gli adolescenti ora si confrontano con le migliori versioni dei loro amici online e con altre celebrità che sembrano vicine, ma con le quali non condividono alcun aspetto della loro vita.

  1. Grandi aspettative di successo

Tra test standardizzati e una cultura del successo, i giovani di oggi sperimentano forme di pressione di cui le loro generazioni precedenti erano praticamente inconsapevoli. Le fonti di pressione, sia negli studi, nei primi lavori o nell’immagine sociale in generale, si sono intensificate.

 

L’esempio più eloquente è quello del Giappone. Il Paese con il più alto tasso di suicidi (14,3 persone su 100.000 secondo l’OMS). Tra il 2017 e il 2018 in Giappone si sono suicidati 250: 6 suicidi di scolari, 84 primari e 160 secondari. Un fatto che possiamo capire se siamo consapevoli della pressione accademica che colpisce tutti i bambini giapponesi: per aspirare ad entrare in una buona università e, quindi, guadagnarsi il rispetto della famiglia, è necessario superare esami di ammissione davvero difficili.

La soluzione sta nel lavoro coordinato di diversi agenti sociali

La maggior parte dei comportamenti che i giovani adottano senza supervisione consiste nel passare più tempo nella loro stanza, parlare meno o generare conflitti per evidenziare il proprio disagio. Tra questi spiccano anche il rifugio nei social network, l’evitamento di situazioni stressanti e il consumo di sostanze.

Le soluzioni devono essere vicine, accessibili e richiedere la presenza. Affinché un adolescente con ansia possa accedere a una routine diversa dal solito, dobbiamo fare in modo che trovi programmi il più accessibili e interessanti possibile.

 

Gli adolescenti devono iniziare a partecipare alle proprie strade e realtà, essere presenti nelle attività locali e nel volontariato. In questo modo saranno in grado di sviluppare abilità sociali e assertività in un momento così critico di sviluppo.

Ansia negli adolescenti in terapia: migliora solo con risorse sociali accessibili

L’ansia degli adolescenti non smette di crescere, ma la soluzione non è solo andare in terapia: l’adolescente in terapia deve ritrovare i suoi valori vitali ed essere determinato a raggiungere alcuni obiettivi, ma la responsabilità non è solo su di lui.

 

La salute mentale è anche responsabilità dei genitori, perché devono garantire ai propri figli il diritto al tempo libero, oltre che a trascorrere del tempo di qualità con la propria famiglia. I governi e gli agenti sanitari devono incorporare piani di prevenzione primaria, secondaria e terziaria sovvenzionati nella loro agenda per garantire l’accesso a piani e trattamenti di salute mentale.

Infine, va stimolato un dibattito che garantisca l’indipendenza dai genitori, un’alternativa abitativa accessibile e piani di lavoro legati agli studi e alla formazione, evitando l’offerta di posti che non hanno una proiezione nel mercato del lavoro. Infine, in fondo, dobbiamo fare un passo avanti nella difesa dei servizi che si prendono cura della nostra salute mentale.

 

Tratto dal sito www.lamenteemeravigliosa.it area “attualità e psicologia” scritto dalla Psicologa Cristina Roda Rivera 30/05/2023

CONDIVIDI SU
ARTICOLI CORRELATI
L’arte di educare i figli
I super eroi senza super poteri! L’idealizzazione della genitorialità
I bambini e la paura (del Coronavirus)