Area Psico-Sociale

IL MIO PARTNER METTE AL PRIMO POSTO LA SUA FAMIGLIA: COSA FARE?

 

Se ritieni che il tuo partner ti stia mettendo in secondo piano per aver dato priorità alla sua famiglia, dovresti intervenire. Una buona comunicazione, stabilire limiti e raggiungere accordi sono punti chiave che possono guidarti.
Il mio partner mette al primo posto la sua famiglia: cosa posso fare?
“Il mio partner mette al primo posto la sua famiglia, non importa la circostanza o il problema che dobbiamo risolvere, ogni decisione passa prima attraverso il filtro dei suoi genitori. Siamo in tre in questa relazione da molto tempo e non so più cosa fare Fare.” Per quanto possa sembrarci curioso, questa circostanza si verifica abbastanza frequentemente ed è non solo fonte di problemi, ma anche di numerose rotture.
Diciamo spesso che quando formalizziamo una relazione con qualcuno e iniziamo una vita insieme, ci impegniamo con quella persona; non con la sua famiglia. Tuttavia, dare per scontato questo a volte significa commettere errori di innocenza. Ognuno di noi porta dietro di sé un’eredità di figure familiari che, senza bisogno di essere presenti, ci determinano.
Ciò significa che a volte non è necessario che i genitori o i fratelli del nostro partner siano a casa. A volte vengono percepiti e resi visibili nei loro commenti, nei loro ragionamenti e in quei mandati invisibili che continuano a determinarli. Il peso della famiglia può essere più o meno presente in ognuno, ma riuscire a prendere le distanze da quei fili è sinonimo di maturità e benessere.
Quando questo non avviene, quando qualcuno antepone anche la propria famiglia al partner o ai figli, si aprono grandi divari nella convivenza. Lo analizziamo.
Madre e figlia adulta che rappresentano quando il mio partner mette la sua famiglia al primo posto
Il mio compagno mette al primo posto la sua famiglia: strategie per affrontare questa situazione
Ci piacerebbe avere una sfera di cristallo per poter prevedere il futuro. Perché quando iniziamo una relazione con qualcuno non sempre intuiamo o percepiamo certe cose. Inoltre, ciò che di solito accade è che anche vedendo alcuni aspetti, aggiungiamo un filtro d’oro chiamato idealizzazione. Pertanto, se il nostro partner ha molta familiarità, è qualcosa che di solito inizialmente consideriamo favorevolmente.
Ora, col passare del tempo, questa familiarità con i tuoi cari potrebbe mostrare un attaccamento eccessivo. È molto probabile che, ad un certo punto, scopriremo, sopraffatti, che per il nostro partner i genitori vengono sempre al primo posto. È vero che a volte possiamo comprendere reazioni molto specifiche, ma quando questa tendenza diventa costante, la spia dell’allarme si accende.
Cosa possiamo fare in queste circostanze? Lo analizziamo.
1. Comunicazione assertiva: i miei bisogni, le tue priorità
Quando il mio partner mette la sua famiglia al primo posto, l’ultima cosa che dovrei fare è restare in silenzio. Rimanere in silenzio mentre aspettiamo i cambiamenti non è né sottile né consigliabile. È necessario utilizzare una comunicazione assertiva ed empatica.
Spiega la situazione con calma e chiarezza. Cerca sempre di fornire esempi concreti che spieghino come ti sei sentito riguardo a quelle reazioni o comportamenti. Evita di fare accuse. Si tratta semplicemente di esporre la realtà.
Promuovi un dialogo empatico per chiarire di cosa hai bisogno e cosa ti aspetti dall’altra persona (spero nel tuo sostegno, voglio che tu sia con me quando avrò bisogno di te, voglio essere una priorità e non qualcosa di secondario nella tua vita…).
È molto probabile che il nostro partner non sia nemmeno consapevole del suo comportamento. Per lui mettere la famiglia al primo posto è una cosa abituale, qualcosa che ha sempre fatto. È necessario dimostrargli con questo comportamento che sta danneggiando la relazione.
2. Ti senti in colpa per non trascorrere più tempo con i tuoi cari
Uno dei motivi per cui il mio partner mette al primo posto la sua famiglia è perché si sente in colpa per non trascorrere più tempo con loro. Quando una persona è eccessivamente attaccata ai propri genitori, è molto difficile strappare quel “cordone ombelicale emotivo” da un giorno all’altro. Devi capirlo non perché hai la tua vita, non perché hai un partner e perché dai priorità a quest’ultimo, ami meno i tuoi genitori.
Si consiglia di fare un esercizio di introspezione e maturazione in questo aspetto. Dobbiamo ricordare che la qualità di una relazione dipende in molti casi dalla capacità dei suoi membri di stabilire relazioni sane.
Studi come quelli condotti presso l’Università di Cambridge, ad esempio, ci dicono che avere amici e avere il sostegno della famiglia è un buon supporto emotivo e psicologico. Tuttavia questi social network sono secondari, mentre il legame di coppia è prioritario.
3. Mantenere la privacy è rispetto: è vietato condividere i dettagli con la famiglia
Qualcosa che di solito accade con alta frequenza è la condivisione di eventi privati con terze parti; in questo caso, con la famiglia del nostro partner. Conversazioni, problemi, discussioni, progetti a breve e lungo termine… Molte delle cose che condividi nell’intimità con la persona amata finiscono per raggiungere i suoi genitori e fratelli.
Quasi senza sapere come, figure che non c’entrano nulla con la vostra relazione finiscono per esprimere la loro opinione e addirittura decidere per il vostro partner. Per lui o lei può essere qualcosa di abituale perché lo ha sempre fatto. Cerchiamo di essere chiari, non possiamo tollerare questo tipo di situazione.
Quando il mio partner mette al primo posto la sua famiglia, è normale che finiscano per essere mandati in onda eventi intimi e privati e questa è una barriera rossa che non possiamo permettere e che metteremo in anticipo.
Donna triste che pensa: Il mio partner mi mente
4. Evita il risentimento: stabilisci dei limiti ed esponi i cambiamenti
Quando si ha come partner qualcuno che mantiene un legame molto stretto con la propria famiglia, è normale sentirsi stranieri a casa propria. È come essere un elemento estraneo che non trova il suo posto. Queste situazioni non sono salutari e l’ultima cosa che ci porteranno è la felicità.
Se la coppia mette al primo posto la famiglia in ogni circostanza , bisogna evitare risentimenti o astio nei confronti dei suoceri. Farlo significa peggiorare ulteriormente la situazione.
Applichiamo invece una visione costruttiva, con la quale cerchiamo di rieducare la coppia a cosa significa avere una relazione, a mantenere un impegno autentico. Per fare ciò, stabiliremo dei limiti e proporremo modifiche:
Rispettiamo che la famiglia (sia quella dell’altra parte che la nostra) sia rilevante. Tuttavia, saremo sempre la priorità l’uno dell’altro. Essere una priorità è saper amare.
I problemi si risolvono tra di noi. È vietato coinvolgere terzi.
Le visite dei familiari sono concordate e delimitate. Non è consentito che si presentino senza preavviso né che noi siamo sempre a loro disposizione.
Eventuali bisogni, desideri o preoccupazioni vengono condivisi prima con il partner.
5. Quando il mio partner mette al primo posto la sua famiglia, sarà costretto prima o poi a scegliere cosa vuole.
Ad un certo punto, dovrai farlo. Sappiamo che non è bene costringere una persona cara a scegliere tra noi e la sua famiglia, ma ci sono circostanze che non sono ammissibili. Se stiamo attraversando un brutto momento, non accoglieremo volentieri il fatto che la persona che abbiamo scelto come compagno di vita preferisca trascorrere la giornata con i suoi genitori.
Né è comprensibile che antepongano ogni giorno e ogni momento i bisogni e i desideri dei genitori a quelli degli stessi coniugi. Dovrai scegliere perché, anche volendo, nessuno può vivere in due fasce emotive.
La mancanza di maturità nelle questioni emotive fa male. E l’eccessivo attaccamento ai genitori in età adulta provoca legami destinati alla sofferenza e al fallimento.
Per concludere, sottolineiamo l’importanza della comunicazione assertiva, dell’empatia e della definizione di limiti equilibrati per superare questa situazione. E, se hanno difficoltà a farlo, un processo terapeutico può aiutarli a comunicare meglio e a stabilire dei confini.
Articolo tratto dal sito www.lamenteemeravigliosa.it
scritto da Valeria Sabater
CONDIVIDI SU
ARTICOLI CORRELATI
I super eroi senza super poteri! L’idealizzazione della genitorialità
Comprendere cosa “passa nella testa” degli adolescenti è difficile, ma non impossibile: la scienza ci viene in aiuto!
Dall’Io al Noi! La forza della terapia di gruppo.